Scuola Media Vieste

Terzo posto a “Storie per parole ostili”

Print Friendly, PDF & Email

Con grande gioia ed entusiasmo abbiamo accolto nei giorni scorsi la notizia del risultato finale del concorso “Storie per parole ostili” organizzato dall’Associazione Amici dell’Università Cattolica – Istituto G. Toniolo di Studi Superiori – di Milano.

 

Tra oltre mille lavori giunti da tutta Italia, il video “Listen” dei Pixellati della classe 1a B della scuola secondaria di I grado Alighieri-Spalatro di Vieste, si è classificato al terzo posto.

È stata una bella soddisfazione per tutti, in primis per i ragazzi che si sono impegnati seriamente e hanno creduto fin da subito a questo progetto, poi per i docenti che hanno visto i risultati concreti della loro azione didattica quotidiana, ed infine per la scuola tutta che ogni giorno si pone obiettivi più ambiziosi e che vuole i suoi alunni sempre più competenti e preparati a vivere consapevolmente la cittadinanza, anche digitale.

Spesso si parla di comunicazione ma poche volte ci si sofferma sulla sua efficacia e soprattutto sul cattivo effetto che essa può produrre. I punti del Manifesto della Comunicazione non ostile ci hanno dato l’opportunità per approfondire tematiche attuali e sempre più reali, oltre che virtuali.

Le nuove generazioni vivono la loro vita tra offline e online, e sono sempre di più i giovanissimi che interagiscono sui social, luoghi virtuali dove si incontrano persone reali. Ma qual è il comportamento dei ragazzi quando sono online? Con chi condividono e come vivono lo spazio virtuale? Quale stile usano? Per aiutarli a promuovere l’utilizzo di linguaggi non ostili in Rete è nato il Manifesto della Comunicazione non ostile, uno strumento didattico utile in classe per affrontare i temi dell’ostilità in Rete e dell’educazione digitale.

La nostra scuola quest’anno ha deciso di approfondire tale tematica, tanto da bandire anche il concorso interno “Parole che contano” associato al Safer Internet Day. Alcuni dei video partecipanti al concorso “Parole che contano” sono stati inviati anche al concorso “Storie per parole ostili” e uno di questi HA VINTO!

Come membro del team dell’innovazione della scuola “Alighieri-Spalatro” sono veramente orgogliosa del risultato ottenuto da questi ragazzi. Oltre a manifestare la mia grande gioia, ringrazio di cuore i miei alunni e ricordo che nel sito del Concorso, nella sezione contributi, è possibile visionare tutti i lavori pervenuti (alle pagine 1-4-5-6 gli altri video partecipanti della nostra scuola). Bravi tutti!

prof. ssa Ida Patrizia Grassi